Mus.Net: un open day dà il via al progetto europeo che migliorerà l’accesso ai musei

Il Museo degli insetti viventi Esapolis di Padova diventa accessibile anche alle persone con disabilità visiva, grazie al finanziamento del programma Europa Creativa e al progetto europeo “Mus.Net.” (Museum Network). La nuova possibilità di fruizione sensoriale e altre iniziative dedicate ai più piccoli, sono state protagoniste di una giornata aperta al pubblico che si è tenuta sabato 19 giugno 2021 in una sorta di gemellaggio virtuale con tutti i Musei che partecipano al network di Mus.Net. Oltre alla Provincia di Padova, capofila del progetto e alla Butterfly Arc di Montegrotto, la rete museale vede, infatti, anche il coinvolgimento del Museo di Lebork in Polonia, del Ris Rakican per la Slovenia e della Fundación Santa María la Real del Patrimonio Histórico per la Spagna. L'open day ha così potuto collegare simbolicamente insieme le varie realtà museali presentando a Padova e in Europa le novità di Esapolis. Tra queste, una app innovativa nata in collaborazione con il nostro socio Filippo Visentin, dipendente della Provincia di Padova e consulente per l'accessibilità del progetto. “Questi strumenti – ha spiegato – rendono le mostre e i contenuti di Esapolis, così come quelle dei musei dei nostri partners europei pienamente accessibili anche alle persone con disabilità visiva tramite modalità sensoriali ed emozionali. In questo caso, la visita viene integrata da una preziosa audio guida che include la descrizione e il commento delle immagini riproducibili tramite la sintesi vocale di un qualsiasi smartphone con sistema IOS o Android”.
C'è poi un nuovo Kids Corner, l’angolo dei bambini dove è possibile utilizzare il software “Disegna e Anima” che crea un luogo magico in cui la fantasia prende vita. I bambini (e non solo) si possono così immergere nella realtà virtuale delle figure da loro stessi disegnate che fluttuano in uno schermo in 3D.
All'iniziativa hanno anche aderito in qualità di stakeholder la sezione di Padova dell'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (UICI) con la presenza del presidente Lorenzo Martini e del delegato della Direzione regionale Antonio Callegaro, che hanno contribuito con preziosi suggerimenti.

L’evento, i nuovi strumenti e le attività per il pubblico sono stati presentati dal presidente della Provincia di Padova Fabio Bui, dal direttore di Esapolis Enzo Moretto con la partecipazione della giornalista e conduttrice televisiva Maria Luisa Cocozza.
“Ciò che ha fatto Esapolis – ha detto Bui – è l’esempio di come si possano utilizzare i fondi europei per attività concrete, iniziative che si toccano con mano e che ci danno la possibilità di modernizzare i nostri Musei. I progetti richiedono anche una serie di adempimenti non facili da seguire e la Provincia di Padova da anni ha un ufficio che si occupa proprio di dare un supporto concreto ai Comuni, enti, istituzioni, associazioni e altre realtà sulle tante opportunità concesse dall’Unione europea”, ha concluso il presidente della Provincia.

immagine: